Zitta e al lavoro!

Ieri non ho potuto lavorare a causa di una serie di impegni imprevisti che mi hanno tenuta fuori casa quasi tutto il giorno e stavo per cedere alla tentazione di lamentarmi, quando mi è venuta in mente l’impresa di Alex Zanardi – che ha conquistato il suo terzo oro alle paraolimpiadi – e mi sono vergognata tantissimo… come ci si può lamentare quando si è mediamente in salute e si deve far fronte soltanto a problemi di ordinaria amministrazione?

Sono orgogliosa di Alex e di tutti gli atleti che si stanno mettendo alla prova, superando difficoltà inimmaginabili per chi non ha mai dovuto affrontare una vera sfida e compiendo dei piccoli grandi miracoli: queste persone hanno la mia stima incondizionata e non solo perché incarnano la mia personale idea di eroismo, ma anche perché mi spingono a zittire la mia nemesi – la Moleskina piagnucolona – e a tirar fuori la parte migliore di me, quella che si dà da fare giorno dopo giorno per raggiungere il suo obbiettivo, che si tratti di scrivere 100 pagine in 20 giorni o di perdere 15 kg in 5 mesi.

Illustrazione Scaricata da qui.

Illustrazione Scaricata da QUI.

Sono consapevole del fatto che i miei dispiaceri quotidiani non sono niente di fronte ai veri drammi della vita e assistere alla vittoria di Baka che batte il record del mondo e a gesta analoghe da parte di persone che hanno dovuto lottare davvero per tutta o per gran parte della propria vita anche per conquistarsi cose che tutti noi diamo per scontate, mi spinge a dare il massimo e a schiaffeggiarmi da sola quando mi viene voglia di sbuffare in una giornata difficile.

Non credo che riuscirò mai ad essere forte e inarrestabile come questi campioni, ma nel mio piccolo voglio provare anch’io a comportarmi come farebbe un eroe perché in fondo…

Un eroe è un normale essere umano che fa la migliore delle cose nella peggiore delle circostanze.

Joseph Campbell

Oggi sono riuscita a sbrigare gran parte dei miei obblighi in mattinata, ho spedito al mio editor i primi testi da mettere in linea per cominciare il mio secondo crowdfunding e dovrei aver concluso anche il capitolo “primo romanzo per bambini”, dato che domani invierò alla casa editrice le ultime informazioni che servono per confezionare una buona copertina e andare in stampa…

Sono euforica! Mi sembra incredibile di avere tutto il pomeriggio e tutta la serata a disposizione per lavorare su ALO e confido che sarà così anche domani; considerato questo, non c’è motivo di essere pessimista: devo solo sintonizzarmi sulla giusta lunghezza d’onda (quella della Moleskina laboriosa, per l’appunto) e mettercela tutta per consegnare il miglior lavoro possibile… è l’ora di fare del mio meglio e di lasciarmi alle spalle le preoccupazioni.

Buon pomeriggio, aspiranti eroi! Ci aggiorniamo domani…

Leave a Reply