Ti aspettavo da 3 mesi…

By 1 settembre 2016Cose Belle, Moleskina, Progetti

…e finalmente sei arrivato, mio amato Settembre! Basta la tua presenza a farmi sentire un drago.

Immagine Scaricata da QUI.

Immagine Scaricata da QUI.

Devo ammettere che l’inizio non è stato dei migliori, visto che il caldo è stato torrido, il mio appuntamento alle Poste si è concluso con un niente di fatto (non che la cosa mi meravigli: lì, come in banca, si riesce a combinare qualcosa soltanto quando c’è da pagare…), mia madre ed io abbiamo scelto il ristorante sbagliato e abbiamo consumato il peggior pranzo dell’anno, roba da far impallidire Cannavacciuolo… credevo che fosse impossibile sbagliare un’insalata, ma mi sono dovuta ricredere.

Come se questo non bastasse, alla tizia davanti a casa mia – una donna che ascolta a tutto volume Nek, allietando il quartiere accompagnando il suddetto con il suo canto stonato – non è mancata la voce neppure oggi… non mi biasimate se ho pensato intensamente a questo video per l’intero pomeriggio, assaporando l’idea che lo stereo a esplodere fosse il suo, vero?

Scoprirà mai quest’aspirante concorrente di X-Factor l’uso delle cuffie, infliggendoci così soltanto metà del supplizio? Ne dubito, dunque inizio a cercarmi dei tappi per le orecchie: presumo che ne avrò bisogno nelle settimane a venire, considerando che la canterina in questione è anche una patita di musica dance anni ’90, altro escamotage con cui si diverte a spaccarci i timpani… ma che volete farci?

Sembra che io sia la sola infastidita da questo comportamento e visto che non sono mai stata una rompiscatole e che non ho intenzione di iniziare adesso, mi arrangerò e abbozzerò finché la situazione non risulterà insostenibile anche per Giobbe, sapendo che è inutile confidare nel buon senso altrui… Ormai  sono rassegnata al fatto che la verità risiede nei motti degli antichi, come questo:

Non cercare la voce nei pesci né la virtù nelle persone maleducate.

Plutarco

Più facile trovare il contrario!

Tornando a cose più piacevoli, ho pensato a lungo a che tipo di programma stilare per settembre: mi sento sempre eccitata come una bimba che va per la prima volta al cinema davanti a un mese tutto da vivere (soprattutto quando si tratta di questo mese), ma nonostante le grandi aspettative e un piacevole presentimento che accompagna questo nuovo inizio, ho deciso di rimandare la stesura della mia “to do list” al giorno 5 perché non ha senso che mi distragga adesso, pensando a tutte le belle cose che non posso fare, visto che mancano soltanto 4 giorni (quasi 3) a un esame per cui non mi sento abbastanza preparata.

In sintesi, questa settimana si concluderà all’insegna dello studio, ma da lunedì… si cambia musica! E i gorgheggi della mia fastidiosa vicina non c’entrano nulla.

A domani, amici esasperati: vi auguro un settembre scoppiettante e una casa in un quartiere pieno di gente che ha orecchio.

Leave a Reply