Sono solo le due del pomeriggio eppure sono già molto provata: oggi è una di quelle giornate in cui è impossibile fermarsi… Solitamente sono quelle che mi danno più soddisfazioni, ma oggi è stato arduo sbrigare tutte le commissioni della mattinata ostacolata dall’assurda tosse che è comparsa ieri e che sembra immune a qualsiasi tipo di medicinale.

Questo frenetico giovedì è iniziato con un tripudio di gatti – tutti affamati, infreddoliti e miagolanti – una difficile lezione d’inglese, lunghe telefonate, una sosta interminabile dal parrucchiere – che ha tentato invano di domare la mia chioma stressata – un post sul blog di ALO e quello che sto scrivendo adesso… Ho approfittato di questo break prima di affrontare la seconda tranche di impegni per poter dedicare tutta la serata alla scrittura: se riuscirò a organizzarmi bene, potrei riuscire a terminare il quarto racconto della settimana e anche la scaletta che ho lasciato in sospeso per il nuovo romanzo: sono soddisfatta perché in questi ultimi giorni ho lavorato piuttosto bene, nonostante svariate faccende da sbrigare. In un film che mi è sempre piaciuto molto (L’avvocato del Diavolo), John Milton/Satana dice:

Cambia tutto vivere sotto pressione. Certe persone le spremi e si svegliano, altre crollano.

Credo di appartenere alla prima categoria: sono sempre riuscita a concludere molto di più quando avevo poco tempo a disposizione che quando ne avevo in abbondanza, ma credo che questo sia piuttosto comune tra scrittori e disegnatori…

La mancanza di tempo mi fa volare alto ed è per questo che la canzone di oggi è:

 

Proprio perché sto vivendo un momento frenetico, ho cercato almeno un po’ di tranquillità nell’immagine del giorno: spero che comunichi a voi la stessa pace e la stessa voglia di sognare che ha comunicato a me…
ISSUU.COM

ISSUU.COM

One Comment

Leave a Reply