-22… Progetti passati, presenti e futuri

Non so se dalle vostre parti è lo stesso, ma qui sta ancora piovendo e anche se tutti – o quasi – vorrebbero infilzarmi quando esterno la mia gioia, lo faccio anche oggi grazie a una canzone appropriata a questa splendida giornata uggiosa che ormai volge al termine…

Le idee migliori della mia vita le ho avute durante i giorni di pioggia, per questo sono così affezionata al cielo plumbeo, al ticchettio degli schizzi sui vetri e al freddo intenso di un bel temporale improvviso; oggi mi è sembrato di rivivere la mia stagione preferita, infatti, il mio gatto è rientrato prima per acciambellarsi sulla mia sedia ed io ho potuto assaporare le gioie che di solito colorano i miei inverni, rinfrancandomi con un corroborante caffè caldo, analizzando progetti passati, presenti e futuri per tracciare un quadro esauriente della situazione e riordinando le idee nel modo che preferisco, così…

Illustrazione Scaricata da QUI.

Illustrazione Scaricata da QUI.

Ho appena finito uno dei miei lunghi bagni di riflessione – per inciso, è impressionante come la mia toilette e quella del disegno qui sopra siano simili – ideali per farmi venire in mente nuove idee o superare un punto critico in una storia già iniziata; ho passato la serata nell’acqua bollente per il primo motivo e adesso devo decidere se procedere o no con lo spunto che ho elaborato, che mi sembra buono, ma non abbastanza per ciò che ho in mente…

Mentre rimuginavo immersa nella schiuma profumata, ho anche cercato di rammentare quali fossero i miei obbiettivi quando ho iniziato a dedicarmi al racconto e al romanzo e non più solo alla sceneggiatura e ho realizzato di aver preso appunti per:

  • 2 trilogie
  • 2 tetralogie
  • Una serie di diari noir

Un programma davvero ambizioso, ma a mio parere…

Costruisce troppo in basso chi costruisce al di sotto delle stelle

Edward Young

In questi anni di lavoro ho completato solo due libri della prima trilogia, un libro della prima tetralogia e un diario, in più ho scritto un romanzo che non c’entra niente con questo elenco, ma che mi piace davvero molto: non sono pochi cinque libri in quattro anni, considerando che nel frattempo ho anche scritto una sceneggiatura e svariati racconti. Avrei potuto fare di più e in alcuni casi anche meglio, ma la cosa certa è che ho fatto moltissimi passi avanti durante il mio percorso e che ne farò ancora parecchi.

Mi congedo da voi per andare a riflettere sul nuovo soggetto a cui vorrei lavorare e vi auguro una dolce notte, amici instancabili: ci risentiamo qui, domani, sperando che le nuvole mi portino tante belle pagine oltre a queste rinfrescanti piogge di fine primavera…

One Comment

Leave a Reply